Integra il delitto di furto l’appropriarsi di assegni o carte di credito smarriti - Portale Attiemodellidipoliziagiudiziaria Blog! - Atti e modelli di Polizia Giudiziaria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Integra il delitto di furto l’appropriarsi di assegni o carte di credito smarriti

Pubblicato da Diritto.it in Penale · 12/4/2018 19:08:00

Nel caso di appropriazione di cose che, come gli assegni o le carte di credito, conservino chiari ed intatti i segni esteriori di un legittimo possesso altrui, il venir meno della relazione materiale fra la cosa ed il suo titolare non implica la cessazione del potere di fatto di quest’ultimo sul bene smarrito, con la conseguenza che colui che se ne appropria senza provvedere alla sua restituzione commette il reato di furto e non quello di appropriazione di cose smarrite.

La Corte di appello di Brescia, con sentenza in data 10/04/2017, parzialmente riformando la sentenza pronunciata dal Tribunale di Bergamo in data 27/6/2016, riduceva ad anni due di reclusione ed euro 600 di multa la pena irrogata in primo grado a P. A. e confermava la condanna in relazione al reato di cui all’art. 648 cod. pen.



Nessun commento

 
Sicurezza sito web
Torna ai contenuti | Torna al menu